Ex Sicc e Cattedrale Vegetale: che cosa c’è lì sotto?

I lavori per la tanto agognata Cattedrale Vegetale sono iniziati, o almeno alcuni così sostengono. I ritardi accumulati nella realizzazione del progetto sono oramai enormi e questa, nonostante sarebbe dovuta essere la punta di diamante di Lodi per Expo, non vedrà mai la luce prima della fine della manifestazione. Ma questo oramai, purtroppo, è cosa nota.

La cosa nuova è che, per una serie di circostanze più o meno casuali, i lavori della Cattedrale sono partiti proprio quando, a pochi metri da lì, partivano anche i lavori di bonifica dell’area Ex Sicc (il terreno su cui sorgeva il cementificio infatti risulta pesantemente inquinato da idrocarburi).

Mappa

Da una parte quindi abbiamo il cantiere ex Sicc (cantiere A nella mappa) da cui va asportato del terreno inquinato, mentre a pochi metri appena oltre la ciclabile abbiamo il cantiere della Cattedrale vegetale (cantiere B nella mappa), dove invece va aggiunto del terreno per alzare il livello del suolo.
Coincidenze? Non lo sappiamo, ma di sicuro questo ha destato qualche sospetto.

In seguito ad una segnalazione di un cittadino ci siamo recati in loco per verificare come stavano proseguendo i lavori della Cattedrale Vegetale e abbiamo constatato che all’interno del cantiere erano presenti detriti da cantiere come acciaio, materiale da costruzione, calcinacci, cavi elettrici (si vedano foto allegate) ma soprattutto una gran quantità di teli mischiati con il terreno.

Come inoltre è possibile vedere dalle foto, una parte della terra presente nel cantiere, ha una composizione, almeno apparentemente,  differente da quella che è possibile ritrovare nello stesso cantiere… stranezze anche queste?

comparazione-terra

Da un sopralluogo al cantiere dell’Ex Sicc abbiamo avuto modo di vedere come la terra rimossa per essere sottoposta a bonifica avesse una composizione molto simile a quella estranea che abbiamo rinvenuto nell’area del cantiere della cattedrale vegetale.

A supporto di questo sospetto poi vi sarebbe anche il fatto che abbiamo rinvenuto alcuni detriti molto simili nei due cumuli di terra, cumuli che, ricordiamolo, appartengono a due cantieri diversi e che nulla hanno (o dovrebbero) avere in comune.

Alla luce di ciò, abbiamo ritenuto opportuno chiedere spiegazioni al Comune, il quale, attraverso i suoi uffici, ci ha risposto dicendo che nessun lavoro di movimentazione terra era stato iniziato.

Chiediamo quindi se quella terra è derivante dalle operazioni di scorticamento eseguite ad Agosto e, se si, se il Comune è sicuro che quella terra non sia contaminata come quella del cantiere dell’Ex Sicc.

Come sempre, noi abbiamo documentato il fatto e segnalato i nostri sospetti alle autorità del Corpo della Guardia Forestale, i quali sono già intervenuti per chiedere spiegazioni al Comune di Lodi e per chiedere la rimozione dei detriti rinvenuti tra i cumuli di terra.

Auspichiamo inoltre che il Comune si adoperi tempestivamente per chiarire quanto sta avvenendo, rispondendo nel merito e con documentazione alle nostre due domande.

1) Siamo sicuri che i cumuli di terra presenti nel cantiere della Cattedrale Vegetale siano derivanti solo dallo scotico eseguito ad Agosto?

2) Se si, siamo sicuri che non sia terra contaminata come invece è stato riscontrato in quella che si trova nel cantiere ex-SICC?

 

++++ Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo! ++++

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>