Ex cetem: Uggetti promette avvio bonifica Ex Cetem entro poche settimane

2015.12.13-cetem-130829

Dopo un mese e mezzo di pressione mediatica, una segnalazione alla Magistratura e l’avvio della  raccolta firme, il MoVimento Lodi 5 Stelle è riuscito a ottenere un impegno preciso da parte del Comune di Lodi in merito alla messa in sicurezza della area ex Cetem in cui sono presenti 9.150 mq di amianto: il Sindaco Uggetti, intervistato dal TGRai, ha dichiarato che “tra poche settimane faremo, a spese del Comune, l’intervento sulla proprietà privata e poi i costi li richiederemo alla proprietà”.

Si tratta di un importante risultato per il M5S, considerato che è proprio ciò che si era prefisso di ottenere con la presentazione dell’esposto alla Procura della Repubblica di Lodi.

Prima di giungere a questo preciso impegno assunto dal Sindaco Uggetti, il percorso  è stato molto complicato , come dimostrato anche dalle dichiarazioni agli organi di stampa susseguitesi negli ultimi giorni.

Il 3 dicembre, l’assessore Ferrari affermava che il Comune avrebbe potuto intervenire in via sostitutiva per la bonifica dell’area, ma gli ingenti costi dell’operazione, pari a oltre 200mila euro, sarebbero ricaduti sul bilancio comunale e quindi sulla collettività, considerato lo stato di insolvenza della Proprietà.

Successivamente, il 9 dicembre, l’assessore Ferrari dichiarava che non esiste un’emergenza immediata, essendoci 12 mesi di tempo per intervenire, senza però fare alcun cenno ai 20 mesi già trascorsi dalla scadenza del termine previsto dall’Ordinanza Sindacale per l’avvio dei lavori.

Si giunge così a Domenica 13 dicembre, giorno del presidio NO AMIANTO organizzato dal M5S, quando il Sindaco Uggetti, smentendo il proprio assessore nonché segretario del PD cittadino, Andrea Ferrari, ha finalmente preso l’impegno con i residenti della zona e i cittadini lodigiani di intervenire “tra poche settimane”..

Il Movimento 5 Stelle chiede ora che il Sindaco formalizzi il suo impegno al più presto,  fornendo un cronoprogramma preciso degli interventi di messa in sicurezza dell’area.

La nostra attenzione resta alta e continueremo a vigilare per assicurarci che le promesse fatte ai cittadini vengano rispettate.

Continueremo inoltre a collaborare con la Procura affinché si accertino le responsabilità per i ritardi e le eventuali condotte omissive.

2015.12.13-cetem-131229
« 1 di 15 »

Lavoreremo anche per capire come sia stato possibile per il Comune di Lodi inaugurare il 7 Gennaio 2015 un asilo nido a poche decine di metri da quei 9150mq di amianto, con deterioramento superiore al 45%, di cui lo stesso Sindaco ne aveva ordinato la bonifica e ne conosceva la pericolosità già da  tempo.

In questi giorni, siamo stati persino accusati di allarmismo soltanto per aver voluto il rispetto delle leggi sino in fondo, mettendo al primo posto la salute dei Lodigiani.

L’accellerazione degli eventi verificatasi nelle ultime ore, con l’impegno del Sindaco Uggetti ad avviare la bonifica tra poche settimane, dimostra che i fatti ci stanno dando pienamente ragione.

Non ci interessa la polemica politica,  e la superficialità di questa classe dirigente, perchè stiamo dalla parte della gente, con le nostre azioni abbiamo rotto l’immobilismo di questa Giunta.
Alla logica del compromesso preferiamo il patto con le future generazioni per un paese migliore , per una città  più pulita.

++++ Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo! ++++

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>