Ecco come i partiti politici lodigiani hanno speso i nostri soldi

Dopo l’operazione trasparenza dell’anno scorso su come i gruppi consiliari lodigiani spendevano i loro soldi, anche quest’anno il MoVimento5Stelle di Lodi ha analizzato i rimborsi richiesti dalle forze politiche per l’anno 2014/2015.
Anche quest’anno purtroppo abbiamo riscontrato che permane la cattiva prassi delle spese inopportune, finalizzate al pagamento di attività che nulla hanno a che fare con l’attività politica dei gruppi consiliari, così da farli assomigliare più a finanziamenti pubblici che a rimborsi veri e propri.
La cattiva prassi poi ha fatto si che qualche gruppo abbia presentato ricevute fuori il periodo di competenza (Giu2014-Giu2015), con la giustificazione che il regolamento comunale costituisca orientamento più che norma vincolante.
Assistiamo ancora al problema della moltiplicazione delle liste presenti nel Consiglio, benché poi riferite alla stessa forza politica. All’inesauribile voracità che induce un partito a moltiplicarsi segue quindi la creazione di liste che incassano ulteriori rimborsi, che poi però poi vanno alla stessa parte politica.
Piccola nota di colore, in nessuna determina e in nessun Report riepilogativo il Comune ha riportato che il MOVIMENTO 5 STELLE non ha mai utilizzato un euro di rimborsi pubblici per fare politica. Magari si sono solo dimenticati, o magari invece hanno paura a mostrarvi che esiste un modo migliore per fare politica.


Sfoglia il Report completo

(per problemi tecnici ci èstato possibile caricare una versione non definitiva del report, in cui le conclusioni sono incomplete. Se non vi bastano le nostre, tirate pure voi le conclusioni che volete..)

Anche quest’anno l’operazione trasparenza su come i gruppi politici lodigiani utilizzano i rimborsi consiliari ha evidenziato una moltitudine di criticità non indifferenti. Dalle spese inopportune per incredibili attività sociali e culturali che poco o nulla hanno a che fare con l’attività politica come i pranzo di partiti per anziani o la una crociera sul fiume del Partito Democratico, fino ad arrivare addirittura alle fatture rimborsate per periodi non relativi ai rimborsi 2014 (che ricordiamo andava da Giugno 2014 a Giugno 2015).

Di fronte ad un uso improprio e così disinvolto del denaro dei contribuenti lodigiani il MoVimento 5 Stelle ritorna a chiederne la completa abolizione.

 

 

++++ Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo! ++++

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>