Uggetti: nomine inopportune nei CdA nelle partecipate

Lodi è governata da un sindaco a tempo determinato con scadenza fine mese, imputato in un processo penale con l’accusa di turbativa d’asta per il bando delle piscine comunali, che tuttavia non rinuncia a nominare nuovi membri nei CdA delle partecipate del Comune.

rit2

Ieri è stata la volta di Elena Garbelli, nominata consigliera del CdA della casa di riposo Santa Chiara, che prende il posto dell’Ex consigliere comunale del PD Gianmaria Mondani, già presidente delle Farmacie Comunali, al centro in questi giorni della polemica sui magazzini fuori norma della farmacia comunale situata nell’Ospedale Maggiore di Lodi.

A giorni il primo cittadino Uggetti procederà invece con la nomina di due consiglieri di Astem, che dovranno prendere il posto dell’ex consigliere Marini, finito agli arresti e ora imputato insieme ad Uggetti nel processo sulle piscine, e di Merola, dimessosi in seguito al terremoto su Astem perchè in disaccordo con la partecipata Astem per “la modalità di gestione della situazione attuale”.

Alla luce delle gravissime contestazioni avanzate dalla Procura della Repubblica al Sindaco Uggetti, secondo noi sarebbe stato opportuno un passo indietro del primo cittadino. Per rispetto dei cittadini, del Comune di Lodi e per trasparenza, le nuove nomine degli amministratori delle partecipate avrebbe dovuto farle il commissario, non Uggetti.

Basterebbe aspettare una settimana per fare le nomine per fugare ogni dubbio o polemica, oppure sarebbe bastato dimettersi tempo fa come migliaia di cittadini chiedono da mesi, invece constatiamo che Uggetti ha preferito non fare nè uno nè l’altro, restando al suo posto e facendo nomine come se nulla fosse successo.

 

++++ Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo! ++++

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>