Cimiteri, no alla loro trasformazione in bancomat per Astem

I cimiteri di Lodi, soprattutto quello Maggiore, versano in uno stato di degrado e abbandono frutto di anni di totale mancanza di interventi.

Come molte parti della città, anche i cimiteri in questi anni hanno sofferto la mancanza di una costante manutenzione ordinaria che hanno determinato il nascere di grossi problemi, anche strutturali, che richiedono quindi interventi straordinari purtroppo ben più onerosi a cui il Comune dovrà far fronte. Un piano di interventi che passerà anche dalla riqualificazione del patrimonio artistico del Cimitero Maggiore, definito un museo a cielo aperto, ad oggi non tutelato e valorizzato. Una delle priorità è la ristrutturazione della zona del Famedio che rappresenta un luogo di orgoglio civico della città e che versa in condizioni indecenti, un luogo dove sono conservate le spoglie di personalità lodigiane che hanno dato lustro alla città di Lodi. Congiuntamente si dovrà provvedere al rifacimento della pavimentazione dei vialetti e la rete di smaltimento delle acque meteoriche, (causa di allagamenti durante i forti temporali) un nuovo impianto per l’illuminazione votiva, la sistemazione di parte delle coperture, come pure il ripristino dell’abitazione del custode.

Il servizio cimiteriale è un servizio economicamente in attivo e per questo motivo siamo stati e saremo contrari alla privatizzazione del servizio. Attualmente le tariffe dei cimiteri sono già molto alte ed un ingresso dei privati non farà altro che far lievitare ancora il costo a carico dei cittadini. Siamo contrari alle proposte di project financing avanzate dalla passata amministrazione, ma piuttosto guardiamo a affidamenti ad imprese locali (senza passare dai subappalti di Astem, come propone il candidato del PD, che farebbero solo lievitare i costi) per le manutenzioni ordinarie e straordinarie, al fine di preservare i luoghi nella loro unicità e sobrietà, dichiara Massimo Casiraghi, candidato sindaco M5S.

Crediamo che una gestione pubblica, più attenta ed oculata ed in discontinuità con quella precedente, possa portare ad un netto miglioramento del servizio senza far lievitare ulteriormente le tariffe.

8bb3b8f6-0653-46f1-80c0-12c68c54fc38 be8f82f9-853d-4e29-99eb-42f333a2bfa1

++++ Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo! ++++

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>